La poesia viscerale, Versi

Viscerale II – Scherzi della mente

14 giugno 2012

'Viscerale II - Scherzi della mente' è una poesia pubblicata su 'Il tricheco psichedelico' e fa parte della serie 'La poesia viscerale'.

I quadri storti e la mente contorta.

Le velate grazie e le ciglia che si ammorbidiscono all’intrecciarsi delle labbra.

La cortesia e la speranza dell’ingiusto.

Quel saluto per strada senza nome.

La stagione delle pesche e la foto che la ricorda.

Le penne sparse e le vene aperte a respirare meglio

con lo sguardo assorto nel deserto di te stesso.

Vaghi senza fiato e senza forze dove splende meno

il fetido odore delle persone.

Dove, le fronde degli alberi piangono solitarie

e le vecchie masticano e sputano tabacco.

Le attenzioni e i malumori, i segreti e le espiazioni,

le comunioni, le sembianze dei sogni tuoi,

le anime, le sfere, i ricordi venduti alle nuove generazioni,

le scarpe rotte e le ginocchia sbucciate, le fetide amare e chiassose parole,

le mani strette attorno al tuo cazzo

le pieghe sul letto disfatto

quando solo rimani

quando fuori albeggia che la tua vita scade al tramonto,

quando tuo nonno dice che ti ama piangendo.

E ciò che conta è la tua incoscienza,

la coscienza dei folli e la scintilla dei vermi,

la codardia delle giornate passate a bersi bicchieri vuoti nel frastornante vuoto tutt’attorno,

la vita sterile vissuta come se fosse una bestemmia.

E tutto,

tutto dalla valigia vuota alla tua schiena mentre ti possiedo,

dal semaforo rosso mentre scappo via alle luci che ti tengon compagnia,

tutto

m’appare veramente inutile.

Potrebbe piacerti

  • Intensa…
    un’immagine di te nelle intemperie

    Johnathan

    • Tutta la vita è fatta di intemperie, se così non fosse io non saprei di cosa scrivere!

      • Vero… vero …
        “Quando hai finito le idee, butta giù le frustrazioni” potrei usare questa massima come mia 😉

        • Diciamo che le frustrazioni questa settimana mi stanno spingendo a fare di più… sono quasi una motivazione, tanto vale sfruttare il momento prima che finisca la spinta!

  • C’è un rapporto strettissimo fra stato mentale e creatività.
    Io quando scrivo o dipingo riesco nelle fasi “no” della mia esistenza.
    Il mio bisogno di scrivere nasce per una sorta d’inquietudine frutto di un carattere depressivo.
    (Anche se nel periodo (periodi) di depressione non riuscivo nemmeno a tenere una matita in mano).
    Frustrazioni o meno Spud, mi garba davvero.

    • Sarà che non vedo un futuro per ciò che amo, sarà che vedo la mia scrittura sprofondare nel nulla, sarà tutto assieme, eppure proprio ora mi vien voglia di passare la notte a provarci, mi dico tenta, mi ordino fallo….. anche se poi non posso fare a meno di chiedermi se mai avrà un senso…

  • Anzi, se posso, uso il Reblog….

    • Non devi neppure chiedere, anzi sono io a chiederti di poterti ringraziare!

  • Reblogged this on DISTRATTA.

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend