Versi

Viaggi spaziali

23 febbraio 2011

E planerò su soffici denti aguzzi

scavalcando i limiti imposti dalla mente.

Le ali in fiamme.

Ascoltando con riserbo il buio,

esploderà la lingua

in mille fatiscenti autostrade stellari

su cui scivolare

in scomode verità.

 

Ci sarà il nulla a salvarmi.

Contare le dita solo per sentirmi reale

non servirà se non al mio demonio.

 

Dentro un astro spento.

Fuori l’accecante buio.

Ovunque spirali dionisiache.

 

E tutto finisce in una dannata Ω gigante.

 

Potrebbe piacerti

Send this to a friend