Versi

Sguardo sul riflesso di me stesso

7 gennaio 2011

Ho rinchiuso gli occhi in uno specchio

che ho lanciato su nell’aria

per sentirlo morire in mille pezzi e

poi scoprire che l’unica cosa che si è rotta è il silenzio.

Le frecce di vetro si crocifiggono dritte in testa.

Chi sei tu, riflesso di me stesso?

Chi ti nutre di piccole luci divorate dall’alba

che da buon pittore il destino ha dipinto sui frammenti?

La vita scorre sui binari di quegli occhi scuri,

ammaliati dai vuoti di foto scure senza didascalie.

Lo sguardo pensa al posto del cuore.

Tutto s’annebbia e com’è dolce e soffice il riposo.

Il tempo è finito. Cambio pila all’orologio e apro gli occhi.

Potrebbe piacerti

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend