Versi

Scrivere una poesia

7 dicembre 2011

C’è da svegliarsi e sentirsi folli

nella stagione annoiata che cavalca questi giorni.

Annaspare aprendo gli occhi

nel ricordarsi i sogni bui

da disegnare sulla propria pelle

e farli sbiadire col biancore

delle mie mani.

 

E un po’ di nulla e un po’ di tutto

che mi passa per la testa

come il frastuono arido

delle mie labbra secche.

Sono giorni che rapisco le parole tra i denti,

ad ogni sbuffo,

ad ogni tuono.

 

In questa città ci si calpesta l’ombra

per dire solamente

scrivere una poesia.

Potrebbe piacerti

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend