Versi

Il nostro sesso

14 luglio 2011

Mi sdraio accanto al tuo sesso

appena scoperto dal lenzuolo,

si lascia spiare,

mi lascia fare.

Ti ho chiesto scusa

per averti posseduta

solo per averti ancora,

solo per quegli occhi

accendersi

quando mi ospiti in te.

 

Dove voglio restare.

Fattene una ragione.

In te voglio vivere.

Potrebbe piacerti

  • Sei..sei un po’ come quei veleni che ti ammazzano pian piano,
    senza dirlo a nessuno eppure tutti lo sanno.
    Come bere al salto due Jack Daniels a stomaco vuoto
    e rendersi conto della cazzata solo 3 secondi dopo.
    ..non ne sono sicura.. ma spero possa suonare come suonerebbe un complimento.
    ..con una Gibson distorsorta e flauto traverso, in perfetto stile Jethro.

    Madlen

  • distosorta?!..distorta.
    ..devo iniziare a leggere quello che scrivo.

  • Sapere di essere veleno mi toglierebbe il dubbio sulla mia natura, mi eviterebbe l’atroce riflessione sulla mia eventuale capacità di donare una semplice, lenta ed indolore morte, quantomeno con le parole.
    In questo modo, ciò che faccio per me, lo farei anche per gli altri.

    A modo mio, sarei un eroe.

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend