Versi

Bella in pianto

30 agosto 2012

Assecondami

volubile farsa che tintinna innanzi gli occhi

tendimi una trappola sussurrandomi il peccato

venerami funesta rabbia che dentro ingabbio,

dicendoti buongiorno

mento ancora

finto di un cane quale sono.

C’era del mio nel paradiso

l’ho ardentemente voluto spezzare,

via tutto!

Se non l’angoscia,

se non la noia,

se non le rughe che si scavano sotto le tue lacrime.

 

Com’eri bella prima d’iniziare a piangere,

quanto sei bella ora che passi il tempo a piangere.

 

Ma quando ti scoli l’anima dagli occhi

hai già finito di perder tutto

senza sapere di esser bella

proprio per quello.

Potrebbe piacerti

  • Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  • Macini parole… impastandole abilmente a sensazioni senza tempo.
    Spettacolare.

    DIS.

    • Proprio quando mi convinco che non abbia senso mantenere in vita questo blog, ogni volta leggo un tuo commento, e mi dico, e mi urlo in testa che forse ne vale comunque la pena.

      Grazie Dis,
      Un giorno ti manderó un paniere di cioccolata per ringraziarti!
      È una promessa!

  • Reblogged this on DISTRATTA.

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend