Io, me e l'eros, Pensieri

Bevo troppo caffè per scrivere

5 settembre 2011

“Dopo tutti questi anni sono ancora qui, seduto su di un maledetto scivolo a fissare le stelle che non mi trasmettono nulla.”

Così iniziava uno dei miei trecentosessantaquattro libri che ho iniziato a scrivere e dopo tre o quattro pagine abbandonato, senza remore, senza aver commesso peccato, senza dovermi poi svegliare con l’alito di merda e sentirli chiamarmi a loro. Cosa volete da me, spettri? Lasciatemi in pace, io vi ho solamente creato a metà, non volevo sentirmi Dio! Lasciatemi in pace e scovatevi il vostro maledetto finale! Non ci sono capace io, l’ho sempre detto di non essere tagliato per la scrittura.

Bevo troppo caffè per scrivere.

Respiro troppo frequentemente per scrivere.

Scrivo troppo per scrivere.

Ho scatole piene di cose a metà, di sogni mal riusciti e quadri con poche pennellate storte ed irascibili, con tele squarciate dal loro disgusto per la mia incapacità. Non ho mai finito un blocco di post-it e neppure rosicchiato una matita se non per perdere tempo. Eppure mi sveglio presto al mattino e davanti una tazza calda mi prometto sempre grandi cose, imprese eroiche, tenere per le palle la vita. Poi muoio. Come se non mi bruciasse poi molto dentro. E perdo il sapore dei miei giorni, mi sanguina la testa che mi scoppia e tutto è un ieri. Chissà perché poi mi risveglio l’indomani a bere caffè e non saper voler scrivere.

Buongiorno professore, voglio la sua inutile laurea.

Buongiorno studente, eccole la sua pallida vita indietro.

Dieci anni fa sarebbero stati dieci anni fa, ma avrei avuto il cazzo duro e stelle dorate sul petto, e con gli occhi neri che splendono di catrame avrei fatto mia questa vita, salendo le scale senza affaticarmi.

Se sentite qualcuno dire che non meriti i miei dieci anni fa, annuite, perché ha ragione.

Potrebbe piacerti

  • Tante cose cominciate e poi lasciate.
    Così. Come ad ammuffire.
    Un po’ come la vita stessa,
    almeno la mia.
    Eppure, all’inizio, il coraggio c’è stato.
    Bentornato Spud.

    DIS.

  • Il coraggio… sarebbe solo una scusa…
    Però io torno, qui a battere colpi sulla tastiera, chissà perché..
    Spero solo di trattenermi a lungo e non fuggire a cercare altro coraggio…

    Grazie per la visita Dis.

  • Se non lo avesse già fatto Calvino, avresti potuto pubblicare un romanzo di soli incipit!!
    Continua, continua, che la strada della vita senza desideri o voglie o ossessioni è nulla.

    • Hai ragione.
      Soccomberò ai miei piccoli vizi, alle lettere che si stagliano senza pormi magari la domanda se si possa trattare del punto di arrivo o di partenza.. già, ho detto bene, magari.

      Grazie per la visita!

  • è dannatamente bello lasciare le cose a metà… a distanza di tempo ti viene voglia di riprenderle pur avendo la consapevolezza che non verrà mai fuori ciò che sarebbe potuto uscire avendole completate! e comunque… non è mica facile mettere un punto, eh!

    • Può darsi, ma quel senso di incompletezza mi sta provocando prurito….

      Grazie per la visita!

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend