Io, me e l'eros, Pensieri

Anno zen

1 gennaio 2016

Non ci sono buoni propositi da scrivere.

Chi scrive liste di propositi ad ogni anno nuovo non ha capito nulla della vita: la vita si vive e poi si scrive, l’opposto non vale, non ha senso.

Zen, tutto sia zen.

Il cambio d’anno è convenzione, la mente è la vera da cosa da cambiare, l’io è la vera cosa da ritrovare, lo sguardo è l’unica cosa di cui andare fieri. Guardo le mie mani e sono uguali ad un anno fa, ad un mese fa, a ieri. Cosa cambia?

Le parole cambiano, solo quelle. Rimangono più sole e più orgogliose perché valgono più di ogni altra cosa.

È l’anno nuovo ed io possiedo sempre tre nomi, ma quest’anno tocca a me scegliere quale essere.

In fondo, ho già scelto.

Potrebbe piacerti

  • Ogni anno cambia per forza qualcosa, no?
    Ciao Spud, felice di leggerti

    • Eh si, quest’anno i cambiamenti sono molti. In primo luogo ho deciso di ricominciare a scrivere con impegno e con voglia, che è qualcosa.

Rimaniamo in contatto

Iscrivendoti al blog riceverai i nuovi post direttamente nella tua posta elettronica.

Qua la pinna! Grazie per la fiducia concessa al Tricheco.

Ehm, qualcosa è andato storto.

Send this to a friend